Statistica con “Nonna” Inter e il “Gatto Nero” Totti

Uno studio demografico su 13.108 calciatori tesserati per 534 squadre appartenenti ai 36 massimi campionati affiliati alla Uefa toglie fuori dei dati curiosi per effettuare una graduatoria generale a livello europeo.

L’età

Terzo rapporto storico per la Fifa che incorona l’Inter come squadra più vecchia d’Europa con un’età media di 29,6 anni, sostituendo nella cima di questa bizzarra classifica il vecchissimo Milan dello scorso anno.

L’altezza

Dalla stessa indagine statistica esce fuori la squadra più bassa di tutte, il Barcellona, con un’altezza media di 177 centimetri. Le piu’ “alte” sono Mattersburg (Austria) e Volyn Lutsk (Ucraina) con 186.

Altro

Beh, non è difficile analizzare l’andamento del calcio moderno, sicuramente più aggressivo e atletico rispetto al passato, e la statistica ne è una conferma visto che  dimostra che i calciatori stanno diventando più alti.

Poco, pochissimo, l’investimento nei settori giovanili, oltre a crescere l’età media generale dei giocatori analizzati (in poche parole stanno diventando più vecchi). Solo l’Ajax mantiene fede alla fama del suo vivaio avendo prodotto il maggior numero di giocatori (54) arrivati a calcare i campi dei massimi campionati.

Molti i trasferimenti all’estero a carriera in corso (45,7%), in pochi (solo il 23,4%) rimangono a giocare nel club di appartenza. Il Manchester United può vantare la rosa con la maggiore stabilità, i suoi giocatori restano in media per 5,71 anni, mentre al Tottenham spetta il record di maggior numero di nazionali con 23 calciatori inglesi.

Per chiudere in media una squadra europea ha in rosa 24,5 giocatori, 5,2 dei quali sono sotto i 21 anni, 8,1 sono alti almeno 185 centimetri e solo 5,7 provengono dal settore giovanile dello stesso club. Almeno 8,2 giocatori per squadra provengono dall’altra parte dell’Oceano, con l’1,1% di origine brasiliana.

Curiosità derby

A proposito di statistiche volevo segnalarti alcune curiosità a proposito della Roma nei derby: per quanto riguarda il capitano simbolo indiscusso della squadra della capitale, in 19 anni di giallorosso (accidenti a lui!) ha disputato 32 derby e ne ha saltati 9, e proprio in quelli saltati la Roma non ha mai perso portando a casa 5 vittorie e 4 pareggi.

Rocchi, infatti, ha affermato qualche tempo fa: “Per la Roma non avere Totti nel derby è un vantaggio”.

Ranieri, all’opposto, non ha ancora sbagliato un colpo con 4 vittorie su 4 derby giocati.

1
Comment
  1. Michele Rotella ha detto:

    Quanto mi piace la statistica! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *