A.A.A. Cercasi competitività internazionale

Si è parlato e riparlato del ranking UEFA che potrebbe declassare l’italia facendo disputare la Champions League a solo 3 squadre, ma ultimamente vedendo la classifica e il rendimento delle squadre interessate ad ambire un posto in Europa per la prossima stagione mi è sorto un dubbio: ma siamo davvero sicuri di voler mantenere il quarto posto in champions e fare una pessima figura come è successo negli ultimi anni?

Mi soffermo soprattutto su squadre come la Roma, incapace di arrivare agli ottavi di Europa League ed eliminata da un modesto seppur combattivo Panathinaikos, la Juventus, vera delusione stagionale, incapace di vincere e di imporre un minimo di gioco in qualsiasi competizione, il Palermo, la Sampdoria, il Napoli, il Genoa, compagini con pochissima esperienza internazionale e a mio parere improponibili come partecipanti alla coppa più importante d’europa.

A questo punto bisogna comportarsi da sportivi e ammettere la nostra inferiorità e affidare le speranze ‘italiane’ all’armata neroazzura, unica ancora in corsa per un gradino tra le grandi del vecchio continente e con una rosa competitiva, al Milan di coppa che negli ultimi anni è riuscito ad essere protagonista e, perchè no, in questa lista inserirei la Fiorentina, che ha ben figurato negli ultimi anni e che la sola sfortuna l’ha cacciata dall’olimpo ma che ora è lontana dal qualificarsi per i preliminari.

Il calcio non è fatto solo di numeri e statistiche, lo sappiamo tutti, la palla è rotonda quindi niente vieta ‘ad una Samp’ di vincere l’anno prossimo la coppa dalle grandi orecchie ma, parliamoci chiaro, non è possibile mandare in Champions squadre con rose, esperienza e fatturato nettamente inferiori rispetto ai colossi stranieri; si rischia di fare figuracce internazionali!

Sarà questione di giocatori, di milioni di euro, di politica,  ma per ora si prospettano tempi bui per il calcio italiano, dobbiamo e dovremo farci l’abitudine ma soprattutto è necessario un rinnovamento sin dalle radici per poter risalire sul tetto d’Europa e riconquistare un minimo di dignità.

2
Comments
  1. Giupe Commenda ha detto:

    Io son daccordo con te. Certo qust’anno non abbiam dimostrato di far delle grandi figure, solo l’Inter è rimasta a lottare in Europa.
    Come ho già detto altrove, per me da una parte sarebbe meglio perdere un posto, secondo me il campionato ne guadagnerebbe in spettacolarità. 3 posti per 4-5 squadre garantiscono un grande spettacolo e molto più impegno

  2. Fantandrea ha detto:

    Beh, almeno riuscissimo a bissare il Mondiale quest’anno.
    Ne guadagneremmo in reputazione quantomeno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *